Produttori e Distributori: tutti gli insights per affrontare l’impatto sul business determinato dal COVID-19

La pandemia del Coronavirus o COVID-19 sta avendo un impatto significativo sul business in tutto il mondo, a cominciare dall’attività di produttori e distributori che operano nel Largo Consumo Confezionato. IRI monitora costantemente gli sviluppi della nostra Industry utilizzando diverse fonti di dati (a livello di punto vendita, provenienti da carte fedeltà, panel, e-commerce e social media) per aiutare i clienti a comprendere i cambiamenti che si stanno verificando nel comportamento di acquisto dei consumatori e degli shopper relativamente a categorie o brand e ai canali distributivi prescelti nelle aree colpite dal virus. Il nostro obiettivo è quello di aiutare le aziende a gestire con successo e in tempo reale i problemi relativi a supply chain ed offerta per una presa decisionale più efficace su temi quali promozioni, out of stock, prezzi e assortimento, così da soddisfare le mutevoli esigenze dei consumatori.

Questa pagina viene aggiornata regolarmente da IRI con informazioni ed approfondimenti.
Per ulteriori chiarimenti o domande specifiche, contattare l’account IRI di rifermento o scrivere a IRI@IRIworldwide.com.

IRI pubblica regolarmente report in grado di offrire una panoramica di ciò che sta accadendo nei principali mercati e fornisce una guida per produttori e distributori per andare in contro alla domanda dei consumatori durante la crisi.

I report realizzati da IRI in collaborazione con BCG.

2 Aprile 2020
 
26 Marzo 2020
 
19 Marzo 2020

TUTTE LE ANALISI IRI SULL’IMPATTO DEL COVID-19


WEBINAR

Lessons from Italy; how Covid-19 might continue to affect your retailing landscape during lockdown

Wednesday, April 8, 2020
2 p.m. GMT / 3 p.m. CEST

Register Now

Osservazioni ed Implicazioni


PRODOTTI OTC

Per combattere il COVID-19, i consumatori ricercano prodotti che siano in grado di aumentare il livello delle difese immunitarie. I principali prodotti richiesti sono perciò vitamine, integratori, probiotici e altri prodotti immunostimolanti. I prodotti di assistenza sanitaria preventiva, come la vitamina C, sono in crescita rispetto ai prodotti sintomatici.


ALIMENTARE

Il mercato della pasta secca ha beneficiato di un aumento degli acquisti dettato dai timori attuali, mentre la pasta sfoglia registra una domanda inferiore in quanto la preparazione che richiede maggiore elaborazione sembra non rientrare nell’attuale comportamento del consumatore.

I piatti “convienence” invece sono tra i più richiesti.

Il consumo di cibo e bevande a in ambito domestico aumenterà in modo significativo nelle prossime settimane, con un conseguente incremento delle scorte per la dispensa. Il consumo di cibo fuori casa, invece, subirà una continua flessione a mano a mano che le uscite si ridurranno e le persone lavoreranno sempre di più da casa.


NON-FOOD

L’home working e i bassi livelli di socializzazione possono portare i consumatori a utilizzare meno cosmetici e prodotti per la cura dei capelli.

I prodotti per la pulizia della casa, invece, vedono un aumento degli acquisti. Tuttavia, i produttori potrebbero assistere ad una significativa diminuzione delle vendite nel breve termine poiché ci vorrà del tempo prima che i consumatori finiscano di utilizzare le grandi quantità di prodotto acquistate di recente.

COMPORTAMENTO DEL CONSUMATORE

Home Delivery, Click and Collect e E-commerce aumenteranno mano a mano che i consumatori ridurranno le uscite per evitare di recarsi in aree affollate.

Istituire servizi di Click and Collect e Home Delivery deve essere un’attività prioritaria per ogni distributore perché nel lungo periodo il comportamento dello shopper potrebbe cambiare.

La volontà di rendere confortevole la permanenza a casa si rifletterà nell’acquisto di articoli indulgence, come DVD o snack dolci e salati e si assisterà anche ad un aumento delle vendite di alcol; mentre la spesa per le vacanze pasquali potrebbe subire una flessione.


SUPPLY CHAIN

L’out of stock si verificherà principalmente per le categorie con un alto livello di domanda; i produttori potrebbero concentrarsi sulla produzione degli articoli che riescono a soddisfare il consumatore. Ci saranno meno alternative di prodotto ma si raggiungeranno livelli di offerta soddisfacenti per la maggior parte dei prodotti richiesti.

Le referenze che possono essere oggetto di scorta continuano ad essere molto popolari tra i consumatori (in aggiunta a quelli più comprati, come ad esempio le salviettine igienizzanti). Ne sono un esempio tutti i prodotti alimentari da dispensa e i surgelati, le bevande utilizzate per l’attività sportiva, l’acqua, la carta igienica, ecc.

FACTS ABOUT US

95% of CPG, retail, and health and beauty companies in the Fortune 100 work with us.

Inserisci il codice di sicurezza:
 Security code